Logocomirpng
COMIR engineering solutions

28/03/2018, 20:54



Ascensori:-Assenza-del-libretto-d’impianto.


 Una grave mancanza che non permette la permanenza in servizio dell’ascensore.



Il libretto[1]di un ascensore viene affidato alla custodia del proprietario o del suo legalerappresentante all’atto della messa in servizio dell’ascensore.

Sempre più spesso capita, però, che tale importante documentovenga smarrito, anche perché la vita media di un ascensore è molto lunga (alcuniimpianti attualmente in esercizio sono ormai prossimi ai 100 anni di età).

Ciò detto bisogna, ad ogni modo, sottolineare che l’assenzadel libretto è una grave mancanza in quanto, da un lato non si ha evidenzaimmediata del corretto stato di esercizio dell’impianto e dall’altro nonpermette di conoscere alcune caratteristiche dell’ascensore, fondamentali per ilcorretto svolgimento delle attività manutentive e d’ispezione.

E’ necessario, quindi, entrare nell’ottica delle idee che,come un’automobile priva del libretto di circolazione non può circolare, unascensore non può permanere in servizio se non si ha evidenza, tramite la presenzadel libretto d’impianto, della sua regolare messa in esercizio e delmantenimento nel tempo di tutte quelle caratteristiche e condizioni per lequali ne è stata valutata la conformità all’atto del collaudo.

E’ responsabilità, dunque, del proprietario o del suo legalerappresentante adoperarsi affinché tale grave non conformità vengatempestivamente eliminata, al fine anche di evitare il probabile fermo forzatodell’impianto in occasione di verifica biennale obbligatoria da parte di un OrganismoNotificato ai sensi del D.P.R. 162/99 e s.m.i..





[1]Per gli impianti messi in esercizio prima dell’entrata in vigore dellaDirettiva 95/16/CE il libretto contenente le caratteristiche d’impianto venivaemesso dall’ente collaudatore (generalmente ENPI o ISPESL).
Dal 1999, in accordo con la direttiva ascensori 95/16/CE(adesso 2014/33/UE) e con il suo regolamento di attuazione, D.P.R. 162/99 e s.m.i.,per libretto d’impianto s’intende la raccolta di tutta la documentazione,consegnata al proprietario o al suo legale rappresentante dalla dittainstallatrice, che ne compone il fascicolo tecnico:
  • Progetto completo di relazione tecnica, calcoli,disegni e schemi;
  • Raccolta di tutte le dichiarazioni di conformitàed attestati di esame del tipo dei componenti di sicurezza utilizzati;
  • Manuale d’uso e manutenzione;
  • Attestato di conformità rilasciato dall’Organismo Notificato che ha effettuato la procedura di valutazione della conformità dell’impianto.
Alla quale vanno aggiunte, a cura del proprietario odel suo legale rappresentante:
  • La comunicazione obbligatoria, al comune competenteper territorio, della messa in esercizio dell’impianto;
  • La comunicazione, ricevuta dal comune stesso, diassegnazione del numero di matricola dell’impianto.


1

Privacy policy

COMIR engineering solutions di Ing. Pierluigi Miraglia

Via Ferdinando I,125 - 93100 Caltanissetta (CL)
P. Iva: 01934880855
Create a website